Pensieri, dediche e poesie a chi ti manca
fiori_misto.jpgBenvenuto nella sezione dei "Pensieri, Dediche e Poesie".
SCRIVI QUI I TUOI PENSIERI, LE TUE DEDICHE e le tue poesie  A CHI TI MANCA
.

Clicca sul link a destra "SCRIVI" (solo per utenti registrati)

** Avvisiamo che per ovvie ragioni, lo scritto sarà sempre verificato prima della pubblicazione e che questa avverrà entro poche ore.

Grazie Giovanni


Cerca .

Inizia con Contiene Esatta
VEDI TUTTO
SCRIVI

TUTTI I PENSIERI, DEDICHE, POESIE..


TUTTI I PENSIERI, DEDICHE, POESIE..
Ci sono 96 voci in archivio.
Pagina: 1 2 3 4 5
Titolo Frase
4 Agosto (in occasione del compleanno di
Autore: LIVIA DE PIETRO

Il ticchettio dell’orologio a muro
Riempie il vuoto della cucina
...Nella silente attesa del mattino.

Il cielo plumbeo come un velo nero
Incombe sul mare torvo in tempesta
Che rifiuta questo giorno di festa.

Le ore danzano sulla parete
Con le sembianze di figure umane
Disegnando il tempo che scorre invano.

Il suono della tua voce eterea
I tuoi occhi malinconici e cupi
Mi fissano trapassando il buio.

Come in paralisi contemplativa
Stringo il vuoto che non mi dà calore
Col desiderio di averti qui con noi,

mentre le onde spumeggianti e rabbiose
impetuose si dissolvono in riva
rispecchiando il mio registro emotivo.


Livia De Pietro
 
A babbo
Autore: Daniela
17 novembre 2009 Dove sarai ora? Quel grande mistero di cui abbiamo tante volte parlato fa ormai parte di te. Sei in pace e in armonia con te stesso? Niente più tormenti ed angosciose giornate lunghe e pesanti, in solitudine, vagando come un fantasma in antiche stanze, gonfie di silenzio e di ricordi gelatinosi. Il tempo non ti passava mai, perso nei tuoi infiniti e imperscrutabili pensieri, stretto nella feroce morsa della tua vita, lontano dove nessuno poteva nè voleva aiutarti. E gli ultimi mesi di grande sofferenza fisica, allettato, curato da una giovane, estranea ragazza moldava, quando la tua bella mente era già volata via, nessuno sa dove, ma non più partecipe, per fortuna, degli avvenimenti quatidiani. In pochi giorni il crollo, la tua gola non riceveva più nulla, i tuoi reni stanchi si sono fermati, ma il tuo cuore continuava a battere inesorabile, non mollava memore delle tue lunghe camminate, e poi quel respiro affreattato, agonoco, si è fermato all\'improvviso ed hai trovato la fine del tuo percorso. Ho portato la tua urna tra le mie mani come una reliquia preziosa fino alla sepoltura, là dove mamma ti aveva preceduto l\'anno passato, e ti ho detto addio. Finiti per sempre quelle terribili, eterne notti e quei giorni che per te non avevano più alcun senso.
 
A Lucilla..
Autore: Ludovica

Salve prof..

Ancora è vivo il suo ricordo in me..

Troppo giovane era la sua vita per andarsene..

Per me è stata come una madre e tengo ogni ricordo con tanto amore stretto al cuore..

Come le sue opere...

 
A mamma
Autore: Daniela
3 Aprile 2008 Che tu non trovi porte chiuse da guardiani dal cuore duro, ma che tu possa percorrere i sentieri che avrai davanti a te, in piena libertà e sorridendo. Che tu trovi riparo e conforto dalle visioni spiacevoli che potrai avere, che tu possa nasconderti dai tuoi più brutti fantasmi in case confortevoli, piene di luce e di profumi. Che tu possa non essere spaventata e confusa, ma che tu veda la luce chiara e splendente e che la riconosca senza dubbi e tentennamenti e possa riposarti al dolce suono della stelle e nell\'armonia di pianeti lontani e accoglienti. Ti auguro con tutto il mio cuore un viaggio sereno, i piedi stanchi lambiti dal mare, da onde benevole che leniscano le tue ferite più profonde. Che le tue labbra riarse, secche, aride possano essere bagnate da acqua fresca, pura, leggera che ti purifichi e rigeneri. Che tu possa ridere finalmente e possa udire intorno a te soltanto voci dolci e consolanti che ti cullino con nenie ipnotiche e misteriose. Non più dolore, non più sofferenza, non più rumori ne conflitti ma solo una immensa infinita pace che ti sia compagna e ti accarezzi fino alla gioia completa. Ciao mamma, se puoi proteggi la vita dei miei figli.
 
A mia sorella
Autore: Mario

In una splendida notte stellata,

illuminata da una una bellissima luna piena,

Dio ha steso la sua mano per guidarti nel suo paradiso,

lasciando a noi il ricordo e l'immagine di te per sempre.

 
A mia sorella Anna Annunziata
Autore: julia ferrara


Molti anni son passati ma vivido è il ricordo .

Breve fu il tuo cammino di fragile libellula portata via dal vento.

Un soffio la tua vita, una folata e via.

Non gioie ma dolori , il Creator poi disse: “ ti porto via con me”.

Quando per noi sorelle vi sono tempi bui, i tuoi occhioni azzurri rischiarano la via , una manina lieve spingendoci in avanti ci aiuta a superare ogni contrarietà.

Ora che sei nell’etere , là dove non c’è fine, la tua intercessione per i nostri bambini.

 TINA

 
a mio figlio che non \'è più
Autore: rosa.l

Luigi, sono 19 mesi che sei andato via.

 Senza una parola, senza un saluto.

La speranza di vederti ancora perseguendo un miracolo ormai svanisce sempre più.

La mia vita è cambiata, il dolore è la causa. Sono si forte, ma la mia fragilità traspare sempre più.

Ogni giorno viene meno la mia esuberanza sconfitta dal dolore che mi porto dentro.

Che vita è questa? Ha un senso averti costantemente nei miei pensieri e poi accorgermi che tutto svanisce nel nulla? Questa notte ti ho sognato, mi hai guardata e mi hai sorriso, ho rivisto i tuoi occhi azzurri.

Ma che significato devo attribuire se tutto questo è una illusione? In che modo puoi aiutare la tua mamma a sopportare questo cuore gonfio di dolore? Dentro di me hai lasciato un grande vuoto.

Al mondo non esiste persona che possa riportarmi alla serenità. La mia vita è ad un bivio, lo penso continuamente e non faccio nulla per cambiarla.

Quando mi dicevi “ mammina, tu verrai a stare con noi a Oleggio “ io ti dicevo che non sarebbe stato possibile, in realtà eri riuscito a persuadermi.

Pensavo già che sarei stata la mamma e la nonna a tempo pieno offrendovi il mio affetto e amore con la massima dedizione, così come ho fatto sin dalla tua infanzia.

Come una bolla di sapone tutto è svanito, avevo due fiori, ora me ne rimasto solo uno al quale non riesco a dargli l’amore che merita per lo stato d’animo in cui mi trovo.

Angelo mio, sembra quasi che tu mi persegua e non trovo pace. Neanche il sonno si concilia con i miei pensieri, perciò ti prego quando mi ritorni in sogno dammi quella serenità come quando potevo tenerti fra le mie braccia.

 
a mio padre
Autore: lucia ardolino

il respiro dei ricordi riscaldano il cuore .

Il battito di mille parole si celano nel bisogno

di cercarti dentro il cuore.

Battiti che si uniscono nella sinfonia di lacrime

 che solcano il volto cercando il tuo volto negli occhi.

Paura di un silenzio che riveste l'anima di vita

se in quel silenzio ci sta il tuo sorriso .

ti amo mio caro papà e mi manchi .


Lucia.

 
a mio papà scomparso improvvisamente il
Autore: giulia73
Papà, mai ti ho ben conosciuto e viceversa, tante incomprensioni e spesso troppi silenzi tra noi, ma ora il tuo silenzio è ghiaccio che gela l anima, è fuoco che brucia la mente, è acqua che annega il cuore. In quel letto d ospedale, quando ti ho visto un enorme vuoto mi ha assalito,il tuo respiro affaticato, esausto, i tuoi occhi mi guardavano come quelli di un naufrago che sa che non tornerà mai più a casa!!! Ciò nonostante hai parlato al telefono con il piccolo Alessandro che ti ha detto “nonno ti voglio tanto bene guarisci presto” e tu lo hai rassicurato e gli hai detto :stai tranquillo sto bene e presto torno a casa”!!! Tu per lui ora sei lassù su una stella, di certo quella più luminosa e lo guarderai diventare un uomo! Dicembre ti ha rubato ai tuoi affetti e meschino ha seminato angoscia, ma dicembre è lo stesso mese in cui è nato il piccolo Alessandro e c è una cosa grande e inspiegabile in questo: stanotte Alessandro seppur incapace per la sua tenerissima età di intendere l intrinseco mistero della morte..lui per primo ha sentito che te ne andavi…dormiva e ad un certo punto nel cuore della notte si sveglia, mi guarda e dice: “ mamma, nonno bua..nonno bua”!!! Dopo avermelo ripetuto più volte si riaddormenta agitato e dopo un quarto d ora mi chiama mio fratello! C è qualcosa di grande, troppo più grande di noi, incomprensibile, ma non a loro: i bambini. Da vecchi si torna bambini ed è con questa immagine che ti vogliamo ricordare tutti: tu, neanche tre anni fa con in braccio il piccolo Alessandro, tuo nipote, che da pochi mesi era venuto alla luce! Scusami papà se non sono riuscita a baciarti prima che spirassi, perdonami se nella vita ho deluso le tue aspettative,perdonami papà se non ho saputo abbozzare parole più sensate come avresti voluto, sto vergando con le lacrime la tua vita e talvolta perdo il filo del discorso. Stanotte la tua luce si è spenta per sempre e ora sei già lontano e di bello c era solo la luna che guidando la mia penna ti urla ARRIVEDERCI papà e perdonami ancora se non ti ho detto mai quanto ti ho amato e non ho saputo neanche dimostrartelo! Perdonami tu che adesso tutto puoi! 10 dicembre 2009 un bacio per sempre tua figlia Giulia
 
a mio suocero
Autore: assunta
al mio caro suocero,tu mi sei sempre stato vicino,tu che mi hai insegnato come superare le difficoltà della mia vita,tu che sei sempre stato accanto nei momenti difficili,tu che mi facevi ridere sempre,.........ho perso x la seconda volta mio padre.....un padre eccezzionale......mi manchi..tvbt x sempre...
assunta de angelis
 
A nostro Padre Sorrentino Michele fu Sil
Bruciato troppo in fretta
 
Lasciaci ancora accarezzare la tua voce...
lasciaci respirare il tuo sguardo
che vince il silenzio
nella pietà dell'amore:
Sei ancora in questo dolore che stringe
e dalla vita ormai non si distingue.
Uomo di fuoco
bruciato troppo in fretta...
vibrava alta la tua fiamma calda
di passione e pace.
E ti credevi fiammifero spento
nel fragile corpo
ma grande nell'amore.
Se dentro di te potessimo camminare
il nostro andare non avrebbe mai fine.
Uomo di fuoco
quante volte ci bruciasti invano
ma potente fu la compassione.
Senza saperlo ci insegnavi la 
forza delle lacrime.
Provammo paura ma bisognava che avvenisse
e tu andare lontano...bisognava
e non capivamo di amarti tanto.
Cosa sia ora non lo sappiamo...
il vuoto insostenibile
oppure l'amore di te
presenza immortale.
 
 
Grazie papà e arrivederci presto!
Silvio e Teresa   
 
a Nunzio Fabiano
Autore: angela
ieri, oggi e domani, sempre nel mio cuore
. . . ti amo Nunzio
 
A papà con affetto
Autore: giusi

Ciao papà

è già passato un anno da quando ti sei trasformato in un angelo e nn sei più vicino a me.

Il pensiero di non poterti più vedere all\'uscita da scuola mi da malinconia

ciao papà ti voglio bene e te ne vorrò per sempre

 
A sera
Autore: luigi

La sera quando il sole ormai stanco della giornata si nasconde dietro i monti,

la tristezza,e la malinconia mi avvolge come un lenzuola fresco di bucato,

perchè ci sono momenti in cui anche la solitudine mi attanaglia e tutto si dipinge di scuro,

poi improvvisamente vedo due punti luminosi,

sono i tuoi occhi che brillano e mi guardano e tutto diventa come d\'incanto

azzurro e luminoso

 
A te
Autore: giovanna
A te mamma che sei stata la mia luce, il mio porto dove rifugiarmi nella tempesta,
a te che mi hai lasciata quasi quattro mesi fa, ogni momento della mia vita va il mio pensiero e non riesco a rassegnarmi, non riesco a pensare che non ci sei più... mi manchi infinitamente, mi manca la tua dolcezza, la tua comprensione, mi manca il tuo sorriso, mi manca tutto di te...la vita non è più la stessa.
Quante volte mi riscopro a pensare \"questo lo devo dire a mamma\".
Entro nella tua casa vuota e pronuncio il tuo nome, ti chiamo aspettando la tua risposta che non verrà mai... Perdonami se durante questo ultimo anno in cui avevamo perso papà io non ho capito la tua sofferenza, non ho capito che senza di lui non potevi più vivere, tu a cui la vita aveva dato la sofferenza più grande, quella di perdere una figlia di 17 anni, e nonostante ciò ti sei rialzata per noi, ti sei arresa senza di lui e io non volevo accettarlo, non volevo capire.
Quante cose non ti ho detto...quante cose non ho fatto...vorrei riaverti per pochi minuti per dirti che ti ho amata più di me stessa e che sei stata la migliore delle mamme e delle nonne, la miglior compagna che ogni uomo vorrebbe perchè tu papà l'hai curato e assistito fino all\'ultimo respiro con amore e dedizione totale, trascurando te stessa...

una donna eccezionale... indimenticabile...

 Ti voglio bene la tua Gio
 
a te ,papa', che sei dentro l'anima mia
Autore: lucia ardolino
il tempo non cancellera' il tuo respiro,
tu sei nella mia anima.
Ma tra le tue braccia vorrei essere papa'.
Nella mia mente solo tu.
Chiudo gli occhi e penso a te ..
tu esisti dentro me...
tu la gioia che vorrei .
Mi stringo a te papa'
 per non cadere tienimi la mano .

 lucia ardolino
 
a te mamma...
Autore: lucino pisano

ti amo mamma ...

ti sento al mio fianco,sempre.

 
a te papa'..ardolino giovanni
Autore: lucia ardolino

A te Papà

silenzio nel frastuono dei giorni

che si consumano senza il sorriso

che ha illuminato e reso forte

il cammino in questo mondo.

Gli occhi chiusi riflettono le note

di respiri nell'anima e riscaldano il freddo

del cuore rimasto vuoto senza di te.

Parole di pensieri senza risposte

palpitano in questa esistenza

dove tu eri l'unica mia forza .

Occhi velati si nascondono ,

mani gelate si confondono,

vita di una vita senza vita cerca vita nel tuo amore.

Mi manchi tanto mi manchi da morire papa'...


Lucia

 
Addio amore mio,possa tu riposare in pac
Autore: gabry

Quella sera del 30 ottobre di tre anni fa non avevo paura,quella sera stavo correggendo i compiti dei miei alunni seduta accanto al letto...ero tornata dal collegio docenti.

Poi ti avevo convinto a mangiare un po' di frutta..da giorni mi ripetevi che stavi morendo,ma io non volevo crederci,continuavo a sperare nell'ennesimo miracolo,che contro tutto e tutti,contro ogni previsione e ogni scienza,ti teneva attaccato alla vita e all'amore per me e per i nostri figli...

poi il precipitare degli eventi,l'intuizione dell'infermiere,l'intervento sciagurato ed incompetente dei medici...dopo la mezzanotte,la fine.

"Signora ..mi dispiace..."\" Di cosa le dispiace? di aver gettato via la vita di un uomo,di non aver ascoltato i miei dubbi sulla terapia..più che fondati,purtroppo,visto l''esito?

Di cosa le dispiace?...non ho potuto dirle quelle parole..ero impietrita...

Non posso non piangere al ricordo di quei momenti che mi straziano il cuore...nulla può consolarmi se non il pensiero che tu non soffra più...

Addio ,Franco,addio amore mio.

Possa tu riposare in pace.

 
ai caduti in guerra
Autore: Gianni
Merita la libertà solo colui che la conquista giorno per giorno - Wolfang Goete - dedicato con un grazie ai giovanissimi ragazzi caduti in Russia e che riposano nella nicchia \"CADUTI IN GUERRA\" di Palma Campania.
 


TUTTI I PENSIERI, DEDICHE, POESIE..


Glossary V2.0

Visitatori